The sad life of Lake Chad’s children

th

The many children who live in African States overlooking the Lake Chad have experienced in their lives only poverty, malnutrition and the violence that only men lacking any sensitivity and any semblance of humanity as Boko Haram militants know cause to a child.

In those beautiful lands which overlook the charming Lake Chad, there is no place for dreams and the toddlers games: poverty and misery are always present and many children and teenagers are sent very early in the job with the hope that they can contribute to the meager family budget, and the work is often done in precarious conditions with hazardous and poisonous materials. These children suffer from all the problems caused by exposure to toxic substances and by chronic malnutrition in those areas and continue to lose their lives to diseases that to us seem to belong to ancient times.

The terrorist organization Boko Haram carries out raids for many years and attacks in that area and very often children are abducted to be used as human shields and improvised soldiers, while the girls are used as slaves, subjected to all kinds of violence and forced into marriage with militiamen much larger than them. The United Nations has estimated that a suicide attack on four has been conducted by a minor, drugged or threatened. Are at least 1.4 million children displaced by Lake Chad, which had to abandon everything, even their parents, and now they live in huge refugee camps where it is not always possible to guarantee them a proper education and a better future.

Humanitarian organizations and their sent complaining that reach some areas to deliver basic necessities is becoming increasingly difficult and that even among adults in cases of malnutrition are rapidly and steadily increasing; Some are so exhausted that they can no longer stand, while children have swollen faces and eyes dug out, clear signs of malnutrition.

La triste vita dei bambini del lago Ciad

th

I tanti bimbi che vivono negli Stati africani che si affacciano sul lago Ciad hanno conosciuto nella loro vita solamente la povertà, la malnutrizione e la violenza che solo uomini privi di ogni sensibilità e di ogni parvenza di umanità come i miliziani di Boko Haram sanno causare ad un bambino.

In quelle terre bellissime che si affacciano sull’affascinante lago Ciad, non c’è posto per i sogni e i giochi dei più piccoli: la povertà e la miseria sono sempre presenti e tantissimi bambini e ragazzini vengono mandati molto presto al lavoro con la speranza che possano contribuire al magro bilancio famigliare,  e il lavoro è spesso svolto in condizioni precarie a contatto con sostanze pericolose e velenose. Questi bambini soffrono di tutti i problemi causati dall’esposizione a sostanze tossiche e dalla malnutrizione cronica di quelle zone e continuano a perdere la vita per malattie che a noi sembrano appartenere a tempi lontani.

L’organizzazione terroristica Boko Haram da tanti anni effettua scorribande e attentati in quella zona e molto spesso i minori vengono rapiti per essere usati come scudi umani e soldati improvvisati, mentre le bambine vengono usate come schiave, sottoposte ad ogni genere di violenza e costrette al matrimonio con miliziani molto più grandi di loro. Le Nazioni Unite hanno stimato che un attacco suicida su quattro sia stato condotto da un minorenne, drogato o minacciato. Sono almeno 1,4 milioni  i bambini sfollati dal lago Ciad, che hanno dovuto abbandonare tutto, anche i loro genitori, e adesso vivono in enormi campi profughi in cui non è sempre possibile garantire loro una corrette istruzione e un futuro migliore.

Le organizzazioni umanitarie e i loro inviati sul posto lamentano che raggiungere alcune zone per consegnare generi di prima necessità stia diventando sempre più difficile e che anche tra gli adulti i casi di malnutrizione siano in rapido e costante aumento; alcuni sono talmente esausti che non riescono più a stare in piedi, mentre i bambini hanno facce gonfie e occhi scavati, chiari segni di malnutrizione.

Attacks in Thailand: terror in South East Asia

th
Last night a series of bombings shook the Thailand: two bombs exploded in front of a well-known resort frequented by foreign tourists in Hua Hin town, not far from the capital Bangkok and resulted in one fatality, a Thai woman, and several injured; this morning at the crack of dawn five other bombs exploded in tourist areas. In this case to be colitis have been the resorts of Hua Hin, already touched by the first two bombs, Phuket and Suret Trani, causing at least three deaths and several injuries among tourists and residents; it seems that even two Italian tourists are injured and have been taken to the nearby medical centers to receive appropriate treatment.
This is not the first time that Southeast Asia was hit by acts of terrorism, and not for the first time to be attacked are the places most frequented by foreign tourists, where there are hotels, restaurants and shops designed specifically for visitors coming from abroad. It is evident that tourism is considered inconvenient, an enemy to fight because influence and change the lifestyle of the local population in a way that is considered negative and because judged capable of corrupting the minds of young people away from tradition. We must not forget the large presence of sleeper cells of ISIS throughout South East Asia.
The news are still fragmentaries, and no one knows whether to strike were local separatist groups or affiliated to the self-styled Islamic State, but what is certain is that after these attacks the Thais have discovered themselves once again vulnerable and powerless in the face of such a devious enemy like terrorism capable of striking when and where we least expect it. After the tragedy of the tsunami and after Islamist attacks which had already heavily bloodied South East Asia, these recent attacks have reported the alert level to the maximum and even tourism in the area will experience a sharp decline.
Currently there are not official claims of the attacks.

Attentati in Thailandia: ancora terrore nel Sud Est Asiatico

th

Ieri sera una serie di attentati ha scosso profondamente la Thailandia: due bombe sono esplose davanti ad un noto resort frequentato da turisti stranieri nella città di Hua Hin, non lontano dalla capitale Bangkok  e hanno provocato una vittima, una donna thailandese, e diversi feriti; questa mattina alle prime luci dell’alba altre cinque bombe sono esplose in zone turistiche. In questo caso ad essere colite son state le località di Hua Hin, già toccata dalle prime due bombe, Phuket e Suret Trani, provocando almeno altre tre vittime e diversi feriti tra turisti e residenti; sembra che anche due turisti italiani siano rimasti feriti e siano stati portati nei centri medici vicini per ricevere le cure adeguate.

Non è la prima volta che il Sud Est Asiatico viene colpito da atti di terrorismo, e non è la prima volta che ad essere attaccati sono i luoghi più frequentati dai turisti stranieri, in cui ci sono alberghi, ristoranti e negozi pensati apposta per i visitatori che vengono dall’estero. E’ evidente che il turismo viene considerato scomodo, un nemico da combattere perché influenza e cambia lo stile di vita delle popolazioni locali in un modo che viene considerato negativo e perché giudicato capace di corrompere le menti dei più giovani allontanandoli dalla tradizione. Non bisogna dimenticare la grande presenza di cellule dormienti dell’ISIS in tutto il Sud Est Asiatico.

Le notizie sono ancora frammentarie, e non si sa se a colpire siano stati gruppi separatisti locali oppure affiliati al sedicente Stato islamico, ma quello che è certo è che dopo questi attacchi i thailandesi si sono scoperti ancora una volta vulnerabili e impotenti di fronte ad un nemico subdolo come il terrorismo capace di colpire quando e dove meno ce lo aspettiamo. Dopo la tragedia dello tsunami e dopo gli attacchi islamisti che già avevano pesantemente insanguinato il Sud Est Asiatico, questi ultimi attentati hanno riportato il livello di allerta al massimo e anche il turismo nella zona subirà un brusco calo.

Per ora non ci sono ancora rivendicazioni ufficiali degli attentati.

A third candidate for the White House?

th

Evan Mc Mullin (pictured) launched his candidacy in the presidential elections of the United States to be held in November. This former CIA operative said he was disappointed by both Hillary Clinton, Donald Trump who judges unable to lead the United States to face the challenges of the contemporary world and to have thus decided to apply. Just the fact that he was a CIA agent for years makes him a great connoisseur of foreign policy and International Affairs and if indeed his candidacy is accepted, this could make him a formidable candidate for Clinton and Trump.

It is not yet known if his is merely a provocation, or if you wish to truly become the third candidate in presidential elections that are turning out to be full of twists and novelty, but the mere fact that another person can change in racing the tide and penetrate the tight duel between Clinton and Trump is already a disturbing factor for the two main candidates.

MC Mullin, if he really want to have any hope of running, must hurry to collect the necessary signatures for the official presentation of the application and this will not be easy because in many States there are only few days upon expiration of the deadline for submitting signatures, and in some States the time has already expired and the petition has already been officially closed. Next week we will know what are the intentions of Mc Mullin and if he had time to collect the necessary signatures; meanwhile the fight between Hillary Clinton and Donald Trump goes on no holds barred.

Un terzo candidato alla Casa Bianca?

th

Evan Mc Mullin (nella foto) ha lanciato la sua candidatura alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti che si terranno a novembre. Questo ex agente della CIA ha detto di essere deluso sia da Hillary Clinton, che da Donald Trump che giudica incapaci di guidare gli Stati Uniti ad affrontare le sfide del mondo contemporaneo e di avere così deciso di candidarsi. Proprio il fatto di essere stato per anni un agente CIA fa di lui un grande conoscitore di politica estera e tematiche internazionali e se davvero la sua candidatura sarà accettata, questo potrebbe fare di lui un candidato temibile per Clinton e Trump.

Non si sa ancora se la sua è solamente una provocazione oppure se intenda veramente diventare il terzo candidato in queste elezioni presidenziali statunitensi che si stanno rivelando ricche di colpi di scena e di novità, ma di certo il solo fatto che un’altra persona possa cambiare in corsa le carte in tavola e inserirsi nel duello serrato tra Clinton e Trump è già un fattore di disturbo per i due candidati principali.

Mc Mullin, se davvero vuole avere qualche speranza di candidarsi, deve affrettarsi a raccogliere le firme necessarie per la presentazione ufficiale della candidatura e non sarà facile perché in molti Stati mancano pochissimi giorni alla scadenza del limite per la presentazione delle firme, e in alcuni Stati il tempo è già scaduto e la raccolta firme è già stata ufficialmente chiusa. Tra una settimana sapremo quali sono le intenzioni di Mc Mullin e se ha fatto in tempo a raccogliere le firme necessarie; nel frattempo la lotta tra Hillary Clinton e Donald Trump va avanti senza esclusione di colpi.

Those Lone Wolves who are scary

download (8)

A new episode of violence casts panic a European capital: a Norwegian of Somali origin shouting nonsensical rambling and stabbed several passers-by in Central London, Russell Square, close to the famous British Museum. The same square had already been heavily bloodied Islamic attacks that the July 7, 2005 caused many casualties and many wounded. It seems crazy gesture is due to mental disorders and severe mental problems that the stabber was suffering for a long time, but has not yet completely ruled out the track of Islamic terrorism. A fragile mind is easily conditionable propaganda jihadsita on the Internet and it is possible that the young stabber, a boy of only 19 years old, has entered into contact with Islamist militants or have attended jihadist sites and forums; violent images may have made him an unhealthy desire for emulation.
Also last December, again in London, a man had been stabbed while waiting for the bus at the stop in a central district of the British capital; in which case the bomber was a lone wolf who had been conditioned and led to violence by the propaganda of the self-styled Islamic State on the web.
In recent months are many lone bombers in Europe driven by alcohol, drugs, mental problems and attracted by the propaganda of the self-styled Caliphate are responsible of attacks without any sense in crowded places. It is the Lone Wolves who are most afraid of and hamper the work of law enforcement: the attackers alone, especially with a history of mental problems behind them, are the most difficult to control and unpredictable because no one can understand what is in their mind and often there are no warning signs because radicalization happens very quickly.
The Lone Wolves of international terrorism are much more afraid of an organized attack because nobody can ever really control them and because they hide easily in the crowd of big cities to attack when and where we least expect it.
Solo attacks are the new strategy of jihadist terrorism police and intelligence forces and all that remains is to take adequate measures.

Quei lupi solitari che fanno paura

download (8)

Un nuovo episodio di violenza getta nel panico una capitale europea: un norvegese di origini somale gridando frasi sconnesse e senza senso ha accoltellato alcuni passanti in pieno centro a Londra, nella zona di Russell Square, vicinissima al famosissimo British Museum. La stessa piazza era già stata pesantemente insanguinata dagli attentati di matrice islamica che il 7 luglio 2005 provocarono molte vittime e tantissimi feriti. Sembra che il folle gesto sia dovuto a turbe psichiche e problemi mentali molto gravi di cui l’accoltellatore soffriva da molto tempo, ma non è stata ancora del tutto esclusa la pista del terrorismo islamico. Una mente fragile è facilmente condizionabile dalla propaganda jihadsita sul Internet e non si può escludere che il giovanissimo accoltellatore, un ragazzo di soli 19 anni, sia entrato in contato con miliziani islamisti o abbia frequentato siti e forum jihadisti; le immagini violente potrebbero avere fatto nascere in lui una insana voglia di emulazione.

Anche nel dicembre scorso, sempre a Londra, un uomo era stato accoltellato mentre aspettava l’autobus alla fermata di un quartiere centrale della capitale britannica; anche in qual caso l’attentatore era un lupo solitario che era stato condizionato e indotto alla violenza dalla propaganda del sedicente Stato islamico sul web.

In questi ultimi mesi sono molti in Europa gli attentatori solitari che spinti da alcool, droga, problemi di natura psichica e attratti dalla propaganda del sedicente Califfato si rendono responsabili di attacchi senza alcun senso in luoghi affollati. Sono proprio i lupi solitari che fanno più paura e rendono più difficile il lavoro delle forze dell’ordine: gli attentatori solitari, specie se con una storia clinica di problemi psichici alle spalle, sono i più difficili da controllare e imprevedibili perché nessuno può capire cosa passa loro per la mente e spesso non ci sono segni premonitori perché la radicalizzazione avviene molto in fretta.

I lupi solitari del terrorismo internazionale fanno molta più paura di un attacco organizzato perché nessuno può mai davvero controllarli e perché si nascondono facilmente tra la folla delle grandi metropoli per attaccare quando e dove meno ce lo aspettiamo.

Gli attacchi in solitaria sono la nuova strategia del terrorismo jihadista e alle forze di polizia e di intelligence non rimane che prendere le adeguate contromisure.    

 

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.