Privacy on Internet

th

After the discovery that a hacker attack has violated about 500000 Yahoo search engine account, it must ask the question if our Internet privacy is guaranteed and if there is someone to whom we can turn in the event of serious violations. The attack on Yahoo accounts has unearthed thousands of sensitive data including personal email, bank details, confidential information and also the scanning of the passport of United States First Lady Michelle Obama.

Maybe behind the attack there is a foreign Government, nothing is known because the top of the search engine are not leaked any word, but it is very serious that a hacker may violate without a trace thousands of reserved accounts and post everything on the net without encountering any kind of control. In this blog I have already talked about computer security and how easy it is to get into a stranger’s account to steal sensitive data and personal information, was on April 15, and in recent months our privacy on the Internet has been increasingly threatened and has also been repeatedly shown that photos, documents and videos once posted on the web are for everyone.

Should be adopted as soon as possible new and more effective methods to protect privacy online because our personal data in the wrong hands can turn into real weapons, and at the same time it would take a greater awareness on the part of web users because once your data, documents, photos and videos are on the net is almost impossible to go back : just think of the many cases of people who decided to take his own life for a video posted on social networking sites and ended up in the hands of the bad people.

Privacy su Internet

th

Dopo la scoperta che un attacco hacker ha violato circa 500000 account del motore di ricerca Yahoo, è inevitabile porsi la domanda se la nostra privacy su Internet sia garantita e se ci sia qualcuno a cui possiamo rivolgerci in caso di gravi violazioni. L’attacco agli account di Yahoo ha portato alla luce migliaia di dati sensibili tra cui mail molto personali, dati bancari, informazioni riservate a addirittura la scannerizzazione del passaporto della First Lady degli Stati Uniti Michelle Obama.

Forse dietro all’attacco c’è un governo straniero, non si sa niente perché i vertici del motore di ricerca non fanno trapelare nessuna notizia, ma è molto grave il fatto che un hacker possa violare senza lasciare traccia migliaia di account riservati e postare tutto in rete senza incappare in nessun tipo di controllo. In questo blog ho già parlato di sicurezza informatica  e di come sia facile introdursi nell’account di uno sconosciuto per rubare informazioni molto personali e dati sensibili, era il 15 aprile, e in questi mesi la nostra privacy su Internet è stata sempre più minacciata ed è anche stato più volte dimostrato che foto, documenti e video una volta postati sul web sono alla portata di chiunque.

Andrebbero al più presto adottati nuovi e più efficaci metodi per la tutela della privacy online perché i nostri dati personali nelle mani sbagliate possono trasformarsi in vere e proprie armi, e allo stesso tempo ci vorrebbe una maggiore consapevolezza da parte degli utenti del web perché una volta che i propri dati, documenti, foto e video sono in rete è quasi impossibile tornare indietro: basta pensare ai tanti casi di persone che hanno deciso di togliersi la vita per un proprio video postato sui social network e finito in mano ai malintenzionati.        

 

There is no respite in Syria

th

The truce in Syria, which was designed to bring humanitarian aid to people still besieged in narrow city in the grip of fighting between various factions in the struggle and international coalition against the self-styled Islamic State, is officially failed. The ceasefire agreement between United States and Russia has been repeatedly violated and today we can say that the fighting never ceased: not only the militiamen jihadists, but also the rebels fighting the Assad regime, Shiite militias that are engaged in the fight against terrorism and also the Syrian regular army continued to use bombs and firearms and have never committed and truly respect the time of respite that had been decided.
While various international players, especially United States and Russia, exchange mutual accusations of not having been able to respect the truce and have armed rebel factions in secret, a humanitarian convoy which contained basic necessities and other aid for the Syrian population exhausted by five years of war it was attacked and bombed: all aid workers for the UN refugee agency on board lost their lives. The convoy consisted of about twenty vehicles and was bombed near the small town of Urum al Kubra, Northwest of Aleppo: trucks were laden with food, medicine, blankets, toys and diapers for the children.
The roads that should ensure the passage of these convoys are closed and unsafe and bombings and attacks are commonplace: medical means which should serve to succor the wounded are attacked without mercy. The authorities in Damascus, who had committed to providing humanitarian convoys to be able to reach those in need, were the first to break the truce and it looks like she’s started a real escalation of violence.
In the chaos and violence of Syria proliferate militiamen and unscrupulous warlords and to pay the highest price of all this are as in every war civilians, mostly women and children.

Non c’è tregua in Siria

th

La tregua in Siria che doveva servire a portare aiuti umanitari alle popolazioni ancora assediate nelle città strette nella morsa dei combattimenti tra le varie fazioni in lotta e della coalizione internazionale contro il sedicente Stato islamico è ufficialmente fallita. L’accordo per il cessate il fuoco tra Stati Uniti e Russia è stato ripetutamente violato e oggi si può dire che i combattimenti non sono mai cessati: non solo i miliziani jihadisti, ma anche i ribelli che combattono il regime di Assad, le milizie sciite che sono impegnate nella lotta al terrorismo e anche l’esercito regolare siriano hanno continuato ad usare bombe ed armi da fuoco e non si sono mai impegnati e rispettare veramente il tempo di tregua che era stato deciso.

Mentre i vari attori internazionali, soprattutto Stati Uniti e Russia, si scambiano accuse reciproche di non avere saputo rispettare la tregua e di avere armato in segreto fazioni di ribelli, un convoglio umanitario che conteneva generi di prima necessità e altri aiuti per la popolazione siriana stremata da cinque anni di guerra è stato attaccato e bombardato: tutti gli operatori umanitari dell’Agenzia ONU per i rifugiati presenti a bordo hanno perso la vita. Il convoglio era composto da circa una ventina di veicoli ed è stato bombardato nei pressi della cittadina di Urum al Kubra, a nord ovest di Aleppo: i camion erano carichi di cibo, medicinali, coperte, giochi e pannolini per i più piccoli.

Le strade che dovrebbero garantire il passaggio di questi convogli sono chiuse e insicure e bombardamenti e attentati sono all’ordine del giorno: anche i mezzi medici che dovrebbero servire a soccorrere i feriti vengono attaccati  senza alcuna pietà. Le autorità di Damasco, che si erano impegnate a garantire ai convogli umanitari di potere raggiungere chi ha bisogno, sono state le prime a rompere la tregua  e sembra che ormai sia iniziata una vera e propria escalation di violenza.

Nel caos e nella violenza della Siria proliferano miliziani e signori della guerra senza scrupoli e a pagare il prezzo più alto di tutto questo sono come in ogni guerra i civili, soprattutto donne e bambini.      

 

 

Libya: the war for oil

th

The one that you’re fighting in Libya is a real war for oil: the huge Libyan deposits of hydrocarbons are at the center of a black gold rush involving the United Nations, France, Britain and Italy, but also the various internal factions. Earlier this week, between Monday 12 and Tuesday 13 September, the militia under the command of powerful General Haftar conquered some of the most important oil terminals of the North African country, including the large refinery in Ras Lanuf, which is the heart of all the Libyan oil industry. Conquered site management has been entrusted by Haftar to National Oil Corporation (NOC), the Libyan State company for the extraction of crude oil after the leaders of companies get ready to cooperate with the military to double the number of barrels.
It is very clear that huge interests revolve around the Libyan oil and that all forces in the vast Libyan chaos is tempting to have control of the mining industry; even the newborn Government of Serraj must deal with the excessive power of Haftar after winning huge deposits of Libyans and this makes it a partner of second floor in the eyes of the international community who had staked everything on him and on his ability to reunify all the souls of the Libyan people. The oil is a market worth millions of dollars and those in the command automatically becomes the most important man of Libya, a role that is held at the expense of the Haftar Serraj, who still is trying to create a new unified Government between many hitches.
The Western powers that have more interests in Libya, Italy, Britain and France, are constantly looking for ways to be able to continue to source of Libyan oil which is essential to economic driver and they’re sending men and military means to protect wells, refineries and pipelines. In particular, Italy is trying to protect the interests of ENI, which has long been present in Libya and the control of important refineries and mining centers.
Even the Italian mission called Hippocrates, who is creating a military hospital to treat soldiers and the Libyan people, can be viewed with the perspective of an exchange between Italian and Libyan authorities: medical care in Exchange for maintaining petroleum agreements privileged that our Government had with the dictator Gaddafi.

Libia: la guerra del petrolio

th

Quella che si sta combattendo in Libia è una vera e propria guerra per il petrolio: gli enormi giacimenti libici di idrocarburi sono al centro di una corsa all’oro nero che coinvolge le Nazioni Unite, Francia, Gran Bretagna e Italia, ma anche le varie fazioni interne libiche. All’inizio di questa settimana, tra lunedì 12 e martedì 13 settembre, le milizie al comando del potente Generale Haftar hanno conquistato alcuni dei più importanti terminal petroliferi del Paese nord africano, tra cui anche la grande raffineria di Ras Lanuf, che è il cuore di tutta l’industria petrolifera libica. La gestione dei siti conquistati è stata affidata da Haftar alla National Oil Corporation (NOC), la compagnia statale libica per l’estrazione del greggio dopo che i vertici della società si sono datti pronti a collaborare con i militari per raddoppiare il numero di barili.

E’ evidente che intorno al petrolio libico ruotano interessi enormi e che a tutte le forze in campo nell’immenso caos libico fa gola avere il controllo dell’industria estrattiva; anche il neonato governo di Serraj deve fare i conti con lo strapotere di Haftar dopo la conquista degli enormi giacimenti libici e questo lo rende un interlocutore di secondo piano agli occhi della comunità internazionale che aveva puntato tutto su di lui e sulla sua capacità di riunificare tutte le anime del popolo libico. Quello del petrolio è un mercato che vale milioni di dollari e chi ne ha il comando diventa automaticamente l’uomo più importante di Libia, un ruolo che Haftar sta ricoprendo a scapito di Serraj, che ancora sta cercando di creare un nuovo governo unitario tra mille intoppi.

Le potenze occidentali che hanno più interessi in Libia, Italia, Gran Bretagna e Francia, sono costantemente alla ricerca di soluzioni per potere continuare ad approvvigionarsi del petrolio libico che è indispensabile motore dell’economia e stanno mandando uomini e mezzi militari a proteggere pozzi, raffinerie e pipeline. In particolare l’Italia sta cercando in ogni modo di proteggere gli interessi dell’ENI, che è da molti anni presente in Libia ed ha il controllo di importanti raffinerie e centri di estrazione.

Anche la missione italiana denominata Ippocrate, che consiste nella creazione di un ospedale militare per curare i militari e il popolo libico, può essere tranquillamente vista con l’ottica di uno scambio tra autorità italiane e libiche: cure mediche in cambio del mantenimento  degli accordi petroliferi privilegiati che il nostro governo aveva con il dittatore Gheddafi.

When the satire is exaggerating

th9r74nec8

The French satirical newspaper Charlie Hebdo published cartoons offensive showed that even the most pungent and riotous satire has a limit: offend the victims and the survivors of the terrible earthquake that struck on the night of August 24 Amatrice and neighbouring communes is an act really intolerable.

Even the satire must have its limits and those limits must be clear: fit the light hearted and the teasing good nature that RIP always a laugh, but do not fit the offenses to those who are suffering after a severe natural disaster such as an earthquake. Publish those cartoons was an act disrespectful by the French newspaper because no account was taken of the fact that the affected communities are still suffering and weeping loved ones remained under the rubble and the cartoons are a needless offense for everybody.

This mockery is a great offense not only to communities affected by the earthquake, but for all of Italy because our victims were described as victims of series B, which can offend and that isn’t due any respect. Maybe the cartoonists of Charlie Hebdo have forgotten that after the attack that the January 7, 2015 took his own life in 12 of their colleagues the Italy was the first country to express its solidarity in the name of freedom of the press and of expression…

Opposite these cartoons disrespectful and uncalled for in place of the famous slogan Je suis Charlie, it is impossible not to say Je suis Amatrice.

You hope you never have to suffer an affront like this and instead of thinking to mock those who lost everything in the earthquake, the cartoonists of Charlie would do better to think how to help these people who are trying very hard to recover the few things that were saved from collapse and return to normal waiting for reconstruction.

Quando la satira esagera

th9r74nec8

Le vignette offensive pubblicate dal giornale satirico francese Charlie Hebdo hanno dimostrato che anche la satira più pungente e goliardica ha un limite: offendere le vittime e i sopravvissuti del terribile sisma che nella notte del 24 agosto ha colpito Amatrice e i comuni limitrofi è un atto davvero intollerabile.

Anche la satira deve avere i suoi limiti e questi limiti devono essere ben chiari: vanno bene la goliardia e le prese in giro bonarie che strappano sempre una risata, ma non vanno bene le offese a chi sta soffrendo dopo una calamità naturale grave come un terremoto. Pubblicare quelle vignette è stato un atto irrispettoso da parte del giornale francese perché non si è tenuto conto del fatto che  le comunità colpite stanno ancora soffrendo e piangendo i loro cari rimasti sotto le macerie e le vignette sono una inutile offesa per tutti.

Questa derisione è una grande offesa non solo per le comunità colpite dal sisma, ma per tutta l’Italia perché le nostre vittime sono state descritte come vittime di serie B, che si possono offendere e a cui non è dovuto nessun rispetto.  Forse i vignettisti di Charlie Hebdo hanno dimenticato che dopo l’attentato che il 7 gennaio 2015 tolse la vita a 12 loro colleghi l’Italia è stato il primo Paese ad esprimere la sua solidarietà in nome della libertà di stampa e di espressione…

Di fronte a queste vignette irrispettose e fuori luogo al posto del famoso slogan Je suis Charlie, non si può non dire Je suis Amatrice.

Si spera di non dovere mai più subire un affronto del genere e invece di pensare a deridere chi ha perso tutto nel sisma, i vignettisti di Charlie farebbero meglio a pensare a come aiutare queste persone che stanno tentando molto faticosamente di recuperare le poche cose che si sono salvate dai crolli e di tornare alla normalità in attesa della ricostruzione.      

New walls in Europe

th

Yesterday the Government of the United Kingdom announced that it will build, with the approval of the authorities of Paris, near the port of the French town of Calais a high  and concrete smooth wall to prevent the entry into British territory to the many refugees who each day try to reach Britain.

The encampment of Calais has become huge and is nicknamed “the jungle” because of the disorder that prevails in every corner. French and British authorities it is very difficult to control who gets in and who comes from the slums and there are so many of those who try to hide in trucks to enter illegally into the United Kingdom. Just to put an end to all this the London Government had the idea of the wall, a huge new wall dividing Europe within itself.

That English is not the only wall that was built in Europe since the immigration emergency: in many States, especially in Eastern Europe have sprung up walls and barriers with the specific intention of preventing access to migrants, and in many cases it is not a matter of pure racism or xenophobia, but by fear of losing their national identity and of failing to preserve customs and traditions typical of those lands.

Let’s see what other walls in Europe:

wall with barbed wire between Hungary and Serbia: built by the Hungarian Government of Victor Orban to close the so-called Balkan route that was widely used by migrants fleeing the warring States of the Middle East as Syria and Iraq. To supervise the wall there are more than 3000 policemen and servicemen.

wall between Italy and Austria at the Brenner pass: for now the barrier on the border between Italy and Austria has not yet been built entirely, despite the tensions between Rome and Vienna last spring, but the controls of Austrian soldiers have increased a lot and it is said that the barrier to fail if the flow of migrants will not cease as soon as possible.

wall between Macedonia and Greece: Macedonia has built before a barrier and then a real wall to stop the migrants from Greece that crossed its territory with the vain hope of being able to get up in Northern Europe.

Migrants are firm for months in the town of Idomeni line and field management is almost impossible; disastrous hygienic conditions, insecurity and makeshift shacks and tents and unhealthy lack of all make life unbearable.

Poor management of migration flows by the Community authorities has led many Countries to decide to close the borders and if ASAP at Community level will not be taken effective measures to accommodate anyone really needs and fend off economic migrants, for sure we will see the creation of new walls.

 

 

Nuovi muri in Europa

th

Ieri il governo del Regno Unito ha annunciato che costruirà, con il benestare delle autorità di Parigi, vicino al porto  della cittadina francese di Calais un muro alto e liscio di cemento armato per impedire l’ingresso in territorio britannico ai tanti rifugiati che ogni giorno tentano in ogni modo di raggiungere la Gran Bretagna.

L’accampamento di Calais è ormai diventato enorme e viene soprannominato “la giungla” per via del disordine che regna in ogni angolo. Per le autorità francesi e britanniche è molto difficile controllare chi entra e chi esce dalla baraccopoli e sono tanti coloro che tentano di nascondersi nei camion per entrare illegalmente nel Regno Unito. Proprio per mettere fine a tutto questo il governo di Londra ha avuto l’idea del muro, un nuovo enorme muro che divide l’Europa al suo interno.

Quello inglese non è l’unico muro che è stato innalzato in Europa da quando è iniziata l’emergenza immigrazione: in tanti Stati, soprattutto nell’est Europa sono spuntati muri e barriere con il preciso intento di impedire l’accesso ai migranti, e in molti casi non è una questione di puro razzismo o di xenofobia, ma di paura di perdere la propria identità nazionale e di non riuscire a salvaguardare usi e costumi tipici di quelle terre.

Vediamo quali sono gli altri muri europei:

-muro con barriere di filo spinato tra Ungheria e Serbia: costruito dal governo ungherese di Victor Orban per chiudere la cosiddetta rotta balcanica che era molto usata dai migranti in fuga dagli Stati in guerra del Medio Oriente come Siria e Iraq. A sorvegliare il muro ci sono più di 3000 tra poliziotti e militari.

-muro tra Italia e Austria al Brennero: per ora la barriera al confine tra Italia e Austria non è ancora stata costruita del tutto, nonostante le tensioni tra Roma e Vienna della primavera scorsa, ma i controlli dei militati austriaci sono aumentati molto e non è detto che la barriera non venga completata se il flusso di migranti non cesserà al più presto.

-muro tra Macedonia e Grecia: la Macedonia ha costruito prima una barriera e poi un vero e proprio muro per fermare i migranti provenienti dalla Grecia che attraversavano il suo territorio con la speranza vana di potere arrivare fino in nord Europa.

I migranti sono fermi da mesi nella cittadina di Idomeni e la gestione del campo è quasi impossibile; condizioni igieniche disastrose, insicurezza e tende e baracche di fortuna malsane e mancanza di tutto rendono la vita insopportabile.

La cattiva gestione dei flussi migratori da parte delle autorità comunitarie ha portato molti Paesi a decidere di chiudere le frontiere e se al più presto a livello comunitario non verranno prese misure efficaci per ospitare chi ha davvero bisogno e respingere i migranti economici, di certo assisteremo alla creazione di nuovi muri.