Si riaccende la speranza per le ragazze nigeriane rapite

download (5)

Questa ragazza dolcissima che coccola la sua bambina nata da poco come solo una mamma sa fare si chiama Amina ed è la prima delle liceali rapite in Nigeria dagli estremisti islamici a tornare dalla sua famiglia e dai suoi affetti più cari. I lunghissimi mesi di prigionia pesano come un macigno e non si potranno mai cancellare tutti i soprusi e le violenze subite, ma almeno adesso la ragazza è di nuovo con i suoi genitori e con tutti coloro che le vogliono bene e sta ricominciando a sorridere.

Amina, insieme a più di 200 compagne di studi, era stata rapita dai miliziani islamisti di Boko Haram mentre era nel college, in aula e stava ascoltando attentamente la lezione e i consigli degli insegnanti per gli imminenti esami; il college era considerato un luogo sicuro dove il male non sarebbe mai potuto entrare. Purtroppo quel terribile giorno gli islamisti fecero irruzione nelle aule e nelle stanze del dormitorio e rapirono più di 200 studentesse, colpevoli solo di avere una grande voglia di studiare e di crearsi un futuro migliore.

Nella folle mente degli estremisti le ragazze devono essere totalmente sottomesse e non devono studiare, ma solo stare e casa a pulire, cucinare e fare figli; una donna moderna che studia e si impegna per costruirsi da sola il suo futuro viene considerata un esempio negativo.

Amina è stata trovata ieri, che vagava impaurita in una foresta e piangeva a dirotto con la sua bambina in braccio; era sconvolta e molto provata dai lunghi mesi di prigionia, con ancora addosso tutti i segni delle tante, troppe violenze subite.

Oggi Amina, attorniata dall’affetto della sua famiglia, ha incontrato il Presidente del suo Paese e gli psicologi che la aiuteranno a rendere più sopportabile tutto il fardello degli abusi subiti; la sua voglia di tornare a scuola e continuare a studiare sono segnali positivi e la renderanno una donna nuova e sicura delle proprie capacità.

Stamattina un’altra ragazza è stata liberata e si spera che presto anche tutte le altre potranno ritornare dai loro cari e superare i traumi subiti.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...