Nuovi muri in Europa

th

Ieri il governo del Regno Unito ha annunciato che costruirà, con il benestare delle autorità di Parigi, vicino al porto  della cittadina francese di Calais un muro alto e liscio di cemento armato per impedire l’ingresso in territorio britannico ai tanti rifugiati che ogni giorno tentano in ogni modo di raggiungere la Gran Bretagna.

L’accampamento di Calais è ormai diventato enorme e viene soprannominato “la giungla” per via del disordine che regna in ogni angolo. Per le autorità francesi e britanniche è molto difficile controllare chi entra e chi esce dalla baraccopoli e sono tanti coloro che tentano di nascondersi nei camion per entrare illegalmente nel Regno Unito. Proprio per mettere fine a tutto questo il governo di Londra ha avuto l’idea del muro, un nuovo enorme muro che divide l’Europa al suo interno.

Quello inglese non è l’unico muro che è stato innalzato in Europa da quando è iniziata l’emergenza immigrazione: in tanti Stati, soprattutto nell’est Europa sono spuntati muri e barriere con il preciso intento di impedire l’accesso ai migranti, e in molti casi non è una questione di puro razzismo o di xenofobia, ma di paura di perdere la propria identità nazionale e di non riuscire a salvaguardare usi e costumi tipici di quelle terre.

Vediamo quali sono gli altri muri europei:

-muro con barriere di filo spinato tra Ungheria e Serbia: costruito dal governo ungherese di Victor Orban per chiudere la cosiddetta rotta balcanica che era molto usata dai migranti in fuga dagli Stati in guerra del Medio Oriente come Siria e Iraq. A sorvegliare il muro ci sono più di 3000 tra poliziotti e militari.

-muro tra Italia e Austria al Brennero: per ora la barriera al confine tra Italia e Austria non è ancora stata costruita del tutto, nonostante le tensioni tra Roma e Vienna della primavera scorsa, ma i controlli dei militati austriaci sono aumentati molto e non è detto che la barriera non venga completata se il flusso di migranti non cesserà al più presto.

-muro tra Macedonia e Grecia: la Macedonia ha costruito prima una barriera e poi un vero e proprio muro per fermare i migranti provenienti dalla Grecia che attraversavano il suo territorio con la speranza vana di potere arrivare fino in nord Europa.

I migranti sono fermi da mesi nella cittadina di Idomeni e la gestione del campo è quasi impossibile; condizioni igieniche disastrose, insicurezza e tende e baracche di fortuna malsane e mancanza di tutto rendono la vita insopportabile.

La cattiva gestione dei flussi migratori da parte delle autorità comunitarie ha portato molti Paesi a decidere di chiudere le frontiere e se al più presto a livello comunitario non verranno prese misure efficaci per ospitare chi ha davvero bisogno e respingere i migranti economici, di certo assisteremo alla creazione di nuovi muri.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...